Il Partito della Rifondazione Comunista di Vicenza aderisce alla manifestazione del 12 Ottobre a Roma per la difesa e piena attuazione della Costituzione.

Pubblicato il da ilfogliorossodivicenza-nordest

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA – FEDERAZIONE DI VICENZA

 

Riteniamo che questa iniziativa promossa da diverse soggettività della sinistra politica e sindacale e da autorevoli giuristi democratici, uniti nell’appello “la via maestra”, sia molto importante per rimettere al centro dell’iniziativa politica la partecipazione popolare democratica e dare un segnale di una inversione di tendenza, in una fase assai delicata per il nostro Paese, guidato da un ceto politico ormai screditato. L’ inserimento del pareggio di bilancio all’interno della Costituzione, voluto dal precedente governo, il tentativo di PD-PDL di stravolgere l’articolo 138 della Carta stessa per renderne più facile lo svilimento e impoverimento, rappresentano un attacco gravissimo alla sovranità popolare e alla prerogativa di difesa della vita democratica del nostro Paese da parte del Parlamento. Un attacco altrettanto grave viene dai trattati europei che impongono  politiche di lacrime e sangue che stanno impoverendo larghi settori della popolazione. Dobbiamo fermare queste politiche che non rappresentano la soluzione, ma che anzi contribuiscono ad aggravare la crisi economica, politica ed ambientale che investe ormai tutto il pianeta. Inoltre, Il PRC aderisce convintamene alla giornata di sciopero generale dei lavoratori del settore privato e del pubblico impiego indetto dal sindacalismo di base ( USB, Cobas, etc) per il giorno 18 Ottobre e parteciperà alla manifestazione nazionale che si terrà a Roma nella stessa giornata. Riteniamo che questa giornata di sciopero sia importante per riaccendere le lotte dei lavoratori ormai da troppo tempo in balia dell’arroganza padronale e finanziaria. La manifestazione sindacale si collegherà idealmente a quella del giorno dopo, 19 Ottobre,  indetta dai movimenti sociali che in molti territori del nostro Paese lottano contro lo sfruttamento selvaggio dell’ambiente e dei beni comuni, per la difesa della terra che abitiamo, contro gigantesche opere inutili (come il Tav in ValSusa), che distruggono equilibri naturali, sociali e culturali irripetibili. Facciamo quindi appello ai lavoratori ed ai giovani a partecipare ed a condividere i contenuti delle manifestazioni del 12, 18 e 19 Ottobre che per noi rappresentano un inizio di una stagione di lotta. Dal nostro Paese, per la sua storia, per aver scritto una delle Costituzioni più avanzate del mondo, nata dalla Resistenza antifascista, può venire un segnale di cambiamento, a condizione che vi sia dal basso una ripresa della mobilitazione,  volta verso la prospettiva di una alternativa di società. Chi volesse aderire alle manifestazioni e scendere a Roma coi pullman della FIOM il 12 Ottobre e dei sindacati di base il 18 Ottobre può contattare:  Claudia Rancati 347 6468072 – Vicenza, Roberto Fogagnoli 335 6432533 – Schio, Luca Bertok 320 9649982 – Schio. 

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post